navigazione principale

oggi

Pomeriggio
13°C
50% Soleggiato
2400m
zero termico

Venerdì

Venerdì
11°C
50% Soleggiato
1900m
zero termico

Sabato

Sabato
14°C
60% Soleggiato
2700m
zero termico

Previsioni

Giovedì ci aspetterà un giorno molto vario. Ci sarà spazio per tutto che esiste nell`Europa centrale:

Sole e cielo azzurro, nubi scure con vento abbastanza forte e rovesci.

Tendenza

Nei prossimi giorni il tempo rimarrà variabile:

Di tanto in tanto splenderà il sole, poi avremo periodi con molte nuvole e alcuni rovesci o temporali

Avete bisogno d'aiuto? Contattateci!

Innsbruck Tourismus


lun - ven: ore 8.00 - 17.00

Prenotazioni alberghiere e per gruppi


lun - ven: ore 9.00 - 17.00

Informazioni turistiche


lun - ven: ore 9.00 - 17.00

oggi

Pomeriggio
13°C
50% Soleggiato
2400m
zero termico

Venerdì

Venerdì
11°C
50% Soleggiato
1900m
zero termico

Sabato

Sabato
14°C
60% Soleggiato
2700m
zero termico

Previsioni

Giovedì ci aspetterà un giorno molto vario. Ci sarà spazio per tutto che esiste nell`Europa centrale:

Sole e cielo azzurro, nubi scure con vento abbastanza forte e rovesci.

Tendenza

Nei prossimi giorni il tempo rimarrà variabile:

Di tanto in tanto splenderà il sole, poi avremo periodi con molte nuvole e alcuni rovesci o temporali

Avete bisogno d'aiuto? Contattateci!

Innsbruck Tourismus


lun - ven: ore 8.00 - 17.00

Prenotazioni alberghiere e per gruppi


lun - ven: ore 9.00 - 17.00

Informazioni turistiche


lun - ven: ore 9.00 - 17.00

Giardini e parchi

 > Parco del castello di Ambras

Parco del castello di Ambras

Orari di apertura

Chiuso a novembre

Il giardino rinascimentale di Ferdinando II era molto più grande rispetto a quello odierno. Si estendeva fino al lago di Ambras (dove sorge oggi il centro commerciale DEZ) e fungeva da “area ricreativa” per il sovrano. Dato che il castello di Ambras fu sfruttato come dimora fissa soltanto dall’arciduca Ferdinando II e da sua moglie Philippine Welser, cadde rapidamente in rovina dopo la loro morte. Veniva usato come deposito per le collezioni d’arte di Ambras, che potevano anche essere visitate. Poco dopo la morte di Ferdinando, i sofisticati giardini furono convertiti in campi coltivabili e ne rimasero solo le infrastrutture.

Nonostante la sua somiglianza con la parola austriaca Kuchlgarten (che significa orto), il “Keuchengarten” prende il nome dal termine “Keuche” che in tedesco antico significava prigione.

Il parco era composto da diverse parti: un giardino del piacere (noto come “Keuchengarten”), una riserva di selvaggina, lepri e fagiani, laghetti con pesci d’allevamento, attrazioni come la “tavola rotante”, la grotta di Bacco, giochi d’acqua ecc. Inoltre, c’era anche il giardino delle erbe officinali e aromatiche di Philippine nella zona compresa tra le mura esterne e quelle interne del castello e poi, disposta a terrazze, la discesa verso il lago e la parte anteriore dove oggi si trova ancora oggi uno stagno.

La prima descrizione risale al 1574, mentre la prima illustrazione è di Matthäus Merian del 1649. In seguito il parco fu convertito in terreno coltivabile, dato che i sovrani successivi preferivano investire il proprio denaro andando all’opera...

Nel XIX secolo il parco fu trasformato in un giardino all’inglese sotto l’arciduca Carlo Ludovico (1832-1896) e venne aggiunto un bacino balneabile (1856), dove si trova oggi lo stagno del Keuchengarten. Dimessosi dalla propria carica di governatore del Tirolo prima del completamento dei lavori, Carlo Ludovico non poté mai beneficiare di queste modifiche. Fu, tuttavia, grazie a lui che vennero realizzate ampie scalinate e il giardino paesaggistico prese forma salvando, così, il castello dal degrado.

Nel 1997, una collaborazione tra Österreichische Bundesgärten, la società ÖGHG, studiosi ed esperti di storia del giardino e architetti del paesaggio ha dato vita al nuovo Keuchengarten. Sulla base del progetto di Hans Puechfeldner (conservato presso la biblioteca nazionale austriaca), è stato ricreato un giardino ornamentale e un orto, in omaggio al Rinascimento. Il bacino balneabile a forma di rene di Carlo Ludovico doveva essere conservato, così che non fu possibile progettare altri elementi rinascimentali. In cambio, le due epoche della storia del giardino che sono state fondamentali per Ambras si distinguono chiaramente l’una dall’altra: da un lato il giardino rinascimentale del XVI secolo e dall’altro il bacino balneabile del XIX secolo che è diventato oggi la dimora delle anatre

Descrizione a cura della Dott.ssa Monika Frenzel

read moreread less
Mappa
Mappa
unlimited
Zenddesk Chat