Teaser schließen

Tutta Innsbruck

in una mano

Innsbruck App per iPhone e Android

Download Button for Android
Download for Apple
Teaser schließen

oggi

Pomeriggio
26°C
50% Soleggiato
4000m
zero termico
Pomeriggio 26°C

Giovedì

Giovedì
27°C
70% Soleggiato
4100m
zero termico

Venerdì

Venerdì
27°C
60% Soleggiato
4100m
zero termico

Previsioni

Già ieri la corrente ha rotato a sud e aria mediterranea un po’ più umida è arrivata verso di noi. Oggi non cambierà molto: l`aria che arriverà non sarà così umida, il sole splenderà ma ci saranno temporali.

Tendenza

Giovedì e venerdì il tempo sarà in parte sereno in parte nuvoloso. Nella seconda metà della giornata ci sarà ancora un abbastanza moderato rischio di un temporale.

Panorama Webcams in Innsbruck and its regions

Teaser schließen

Avete bisogno d'aiuto? Contattateci!

Ufficio del turismo di Igls


lun - ven ore 8.30 - 18.00

Gli Aldranser Huttler

Una fiera tradizione. Dal "Bojazl" allo "Spiegeltuxer".

Curata da generazioni, tramandata con orgoglio e ancor oggi vissuta in tutto il suo splendore: la tradizione degli "Aldranser Huttler" è una delle più sentite della regione. Le figure scendono in strada con le loro maschere antiche intagliate e dipinte minuziosamente, primo di tutti il "Bojazl", che con il suo cappello a sonagli fa all’inizio delle capriole con abilità quasi artistica.

Le figure e i loro costumi artistici

Appare un'orribile strega, la "Hex", che ramazza con movimenti staccati il pavimento. Spetta a lei fare strada alle figure che seguono e che si muovono a un ritmo mistico. I primi a seguirla sono i "Vorlaffer". Indossano una camicia bianca, bretelle verdi e una vistosa cintura da Trachten, il "Ranzen", su bianchi pantaloni lunghi con toppe e campanelli. Sulle cupe maschere di legno indossano un cappello nero da Trachten adornato da un'"aureola" ovale, da una specie di mitra con fiori finti, ciuffi di fibra di vetro, specchietti e piume. Secondo la leggenda, gli specchietti fungono da meccanismo di difesa contro i demoni malvagi, che si dovrebbero spaventare al cospetto della propria immagine riflessa.

Successivamente arrivano gli "Schiangianer", che indossano il tradizionale Trachten, pantaloni in pelle di daino, camicia bianca, bretelle e Ranzen. Sul capo portano un foulard che, insieme alle maschere dall'aspetto giovanile e alla decorazione delicata sul cappello da Trachten, dà loro un aspetto effeminato.

Vestiti vistosamente di blu, con fiocchi di lana e campanelle, seguono gli "Zaggler". Su feroci maschere barbute indossano, sopra al foulard, il caratteristico cappello con la vistosa falda. Questa falda è decorata con uno specchio intorno al quale sono raggruppati fiori di paglia e ciuffetti in fibra di vetro. Tutt'intorno allo specchio una meravigliosa corona di piume nere e chiare. L'altra parte del copricapo è drappeggiata con pelli e animali imbalsamati.

Simili sono anche i cappelli degli "Zottler", anche se le loro piume decorative sono di pavone e il loro costume è ricoperto da frange di lino o di lana.

Quindi è la volta dei "Klötzler" e dei loro costumi fragorosi: realizzati come tetti di tegole con piccoli tasselli di legno, producono un rumore che si sente da lontano.

La maschera più vistosa è senza dubbio quella dell' "Altartuxer" o “Spiegeltuxer", il cui imponente copricapo ovale, oltre a presentare la caratteristica decorazione di fiori di paglia e specchietti, è ornato anche da una piccola chiesa intagliata in legno. Ondeggianti piume di gallo bianche e nere lo avvolgono. Un simile copricapo arriva a pesare anche diversi chili, presentando una comprensibile difficoltà per lo svolgimento della cerimonia.

Il significato degli Aldranser Huttler

Il variegato corteo viene accompagnato da un musicista che suona la fisarmonica. Le figure girano a un ritmo martellante, mettono in mostra le loro caratteristiche peculiari e ammaliano il pubblico. Si avverte che sta per accadere qualcosa di speciale, non appena il rituale inizia seguendo il programma tradizionale: Lo scalpitare, l'avanzare, il girare attentamente, il saltare a sorpresa e il cadere in ginocchio, talvolta accompagnati da sorde urla, trasmette una forte impressione del fermento della natura. Mentre gli "Zaggler" e gli "Zottler" rappresentano i demoni dell'autunno e dell'inverno, i "Vorlaffer" e gli "Schiangianer" rappresentano le forze femminili della primavera e dell'estate. Questo rituale deriva da usanze celtiche del periodo che precede la primavera e simboleggia la cacciata dell'inverno e il risveglio della fertilità della natura.

Il gruppo folcloristico di Aldrans

Fondato nel 1977, il gruppo folcloristico di Aldrans arricchisce ogni ballo con il suo grande impegno. Da non perdere è anche il corteo dei "Mullerschaug’n", che si tiene l'ultimo venerdì del Carnevale presso il centro comunale di Aldrans riunendo diversi gruppi della regione per festeggiare insieme la cultura e riprendere antiche tradizioni. La partecipazione alla vita dell'associazione mostra il forte senso di comunità del paese e la ricchezza della cultura e dei valori all'interno dei villaggi d'incanto a sud di Innsbruck.



Deutsch
English
Français
Español
Nederlands
русский
中文(简体)
Polski