Centri di energia a Innsbruck

Rinvigorimento, rigenerazione, ricreazione indicano il recupero delle forze consumate e il ripristino dell’efficienza. Concetti quasi dimenticati nel ritmo frenetico della nostra vita quotidiana. La nostra vita è sempre più veloce e piena di cose da fare. Avventura, quotidianità, un’ampia offerta di attività: e sempre meno tempo per rigenerare le nostre forze. Anche Innsbruck sa tenere impegnati in tanti modi differenti: arte, storia, cultura, sport e intrattenimento. Ma a volte cerchiamo qualcosa di diverso. Silenzio. Tranquillità. Pace. Energia. Un luogo di ritiro e una certa distanza dall’azione. Per esempio un centro di energia naturale in cui arrivare, chiudere gli occhi e respirare a fondo. A Innsbruck e dintorni ci sono innumerevoli luoghi di questo tipo, e ognuno di essi nasconde i suoi segreti. Alcuni vogliamo condividerli qui, altri dovrete scoprirli per conto vostro. La segnaletica o le mappe escursionistiche non sono dappertutto. Un buon “fiuto” (nel senso dell’istinto) e un po’ di innata curiosità sono sempre un buon vantaggio per cercare e trovare. Una volta arrivati tutto ciò che si deve fare è lasciare che il luogo eserciti la sua azione. Magari chiudere gli occhi…. e respirare a fondo.

Kapelle 1

L’acqua e la cura dell’anima

Non c’è bisogno di andare lontano: siete già arrivati. A Innsbruck e dintorni la natura è ovunque incantevole e i bei posti si trovano in fretta. Per prendere una boccata d’aria fresca, il lungofiume sull’Inn è raggiungibile da ogni parte. La Sillschlucht (gola del Sill) presso il Bergisel offre un punto di fuga più sereno e una natura più incontaminata. Lungo il Sill c’è inoltre un sentiero che conduce dal Rapoldipark oltre la Innzwickel (dove il Sill si getta nell’Inn) per proseguire lungo l’Inn fino al Baggersee (lago balneabile nella zona di Rossau). L’aria fresca vicino ai corsi d’acqua e l’ombra degli alberi secolari risultano molto piacevoli soprattutto in estate. Lungo il percorso le panchine invitano a riposarsi e a sognare. In alternativa parcogiochi-avventura costeggiano il sentiero fino al lago. Lungo questo percorso si trova anche il sentiero escursionistico per non vedenti: un’esperienza dei sensi anche per le persone normovedenti. Infine nei giorni nuvolosi il Baggersee, disertato dai bagnanti, regala un tranquillo percorso ad anello in meravigliosa solitudine. E per chi lo desidera c’è anche una rilassante tazza di tè al Deck47, un caffè sulla riva aperto tutto l’anno.
 

Alla sera un’oasi in città: il Baggersee.
Alla sera un’oasi in città: il Baggersee.
Il lago Salfeinsee vicino ai monti Kalkkögel
Il lago Salfeinsee vicino ai monti Kalkkögel

I giardini di Innsbruck: rilassarsi nel verde

Immersi nella natura si respira meglio, e chi non vuole lasciare la città per farlo, si reca agli Hofgarten (giardini imperiali). Al loro ingresso si erge un monolito magico che rende il parco cittadino un centro di energia dell’estremo oriente: la roccia emana una pace tutta particolare, confermata nientemeno che dal maestro cinese di feng shui Jes Lim. Quando in estate gli Hofgarten sono particolarmente affollati, si possono visitare altri giardini, come il giardino botanico di Hötting, comodamente raggiungibile con l’autobus A fino alla fermata "Botanikerstraße". Qui si possono ammirare così tante e diverse piante da tutto il mondo, che ci si dimentica velocemente di qualsiasi preoccupazione. Con una puntata allo storico osservatorio astronomico nella parte nordorientale del giardino potete essere certi di sentirvi con la testa tra le nuvole. Suggerimento: ogni due anni anche la Casa delle farfalle apre le sue porte all’interno del giardino botanico (da giugno a ottobre). Chiamando il numero 0512 507 59 10 potete avere informazioni sul “Programma farfalle” e sugli eventi speciali all’interno del giardino botanico.

Alla scoperta di antichi segreti

Sull’altro versante della valle, il Castello di Ambras invita a passeggiate da favola. Nel periodo imperiale il giardino aveva un aspetto diverso, dato che è stato continuamente rinnovato nel corso dei secoli. La zona dedicata alla quiete e alla meditazione che circonda il castello rinascimentale, sorto su un sito medievale, resta comunque preservata con i suoi prati, il parco faunistico, le rocce e le gole, i boschetti e la cascata artificiale. Ancora oggi vi si possono scoprire alcuni segreti storici come la cantina di roccia, la grotta di Bacco e il giardino delle piante aromatiche. Sono stati ripristinati anche gli assi visivi originali sulla valle: in questo modo ci si può di nuovo perdere, alternativamente, tra l’antico bosco fatato e il pittoresco panorama alpino. 

Sul Patscherkofel

Per un’esperienza ancora più alpina non perdetevi il parco botanico più alto dell’Austria, il giardino alpino del Patscherkofel, che copre una superficie di un ettaro e mezzo a 2.000 metri slm. Respirate a pieni polmoni proprio sul limitare del bosco, percorrendo un sentiero escursionistico circolare per scoprire, grazie ai cartelloni illustrativi, la flora regionale di alta montagna. Aperto da giugno a settembre, tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00 sin dal 1930; ingresso gratuito. Raggiungibile anche con l’autobus J da Innsbruck fino al capolinea e poi salita con la cabinovia Patscherkofelbahn. Il giardino alpino si trova poco sotto la stazione a monte. Qui crescono tesori naturali locali come stelle alpine, genziane, primule orecchia d’orso oltre a piante rare di altre regioni montane. E se camminando vi viene fame, scendete per una sosta all’Alpengasthof Heiligwasser, per rifocillarvi ammirando le montagne e visitare il vicino santuario.

Una pace celestiale

Altre innumerevoli chiese, cappelle e luoghi di culto a Innsbruck e dintorni permettono di godere di un silenzio affascinante: freschi in estate, asciutti quando piove e con tanti posti per sedersi. Se li visitate tra una funzione e l’altra sarete forse le uniche persone presenti. A tale proposito ricordate questo segreto quasi dimenticato: la piazza del duomo di San Giacomo di Innsbruck è un crocevia di antichissime vie di pellegrinaggio sin dal 1270. L’immagine miracolosa della Madonna Ausiliatrice di Lukas Cranach il Vecchio, esposta sull’altare maggiore, è una storica attrazione lungo il cammino di San Giacomo che può essere ammirata ancora oggi. 

Nei tempi antichi san Giacomo attraversò il Tirolo passando per numerose stazioni di pellegrinaggio, da nord-est a sud-ovest: sul Kalvarienberg presso Arzl verso Innsbruck, per proseguire per Völs, dove la deliziosa cappella di San Biagio troneggia sulla Inntal da secoli. Da lì si proseguiva a ovest lungo l’Inn e poi fino a Inzing, dove in riva al lago Hundstalsee, a 2.287 metri, si può ammirare un misterioso tempio di pietre. Quest’ultimo in realtà non ha niente a che vedere con il cammino di San Giacomo, ma l’ascesa veramente impegnativa merita una sosta per un delizioso ristoro alla Inzinger Alm prima di dedicarsi a un centro di energia assolutamente meraviglioso, con lago di montagna annesso, proprio di fianco.

Santuario di Maria Locherboden
Santuario di Maria Locherboden
Interno della chiesa di St. Sigmund-Praxmar nella valle Sellraintal.
Interno della chiesa di St. Sigmund-Praxmar nella valle Sellraintal.

La pace del bosco e lo scorrere dell'acqua

Il sentiero meditativo a Ranggen offre un percorso circolare perfetto per le famiglie, con piccoli punti di sosta per riposare e rilassarsi. Strada facendo, sia in salita che in discesa, sette stazioni informano sulle forme di azione fisiche e spirituali della compassione. Partendo da Ranggen la segnaletica gialla rende praticamente impossibile perdersi. Il giro completo dura più o meno due ore, a seconda delle pause riflessive presso le diverse stazioni. Una piccola cappella aperta a 1.100 metri di altezza segna il culmine della scoperta di sé, con un’area picnic, una piccola cascata e un meraviglioso profumo di bosco.
Un altro modo per respirare a pieni polmoni l’aria fresca ed energizzante è il sentiero “Mühlauer Wasserweg”, che parte direttamente da Innsbruck per seguire le arterie delle Alpi fino alle loro sorgenti tra i monti. Naturalmente lungo il percorso troverete numerose sorgenti naturali! Basta seguire l’Inn oltre il ponte Mühlauer Brücke e proseguire oltre il biotopo naturale di Fuchsloch nella meravigliosa Mühlauer Klamm (gola di Mühlau). Si segue a monte il corso del torrente attraverso il “Teufelskanzel”, oltrepassando la misteriosa “Hexenkuchl” (la cucina delle streghe). Continuando a salire, dopo la cascata, la gola conduce infine alla zona della sorgente di Mühlau in prossimità della Rumer Alm, a 1.243 metri. Per il ritorno si prende un sentiero panoramico che si snoda fino alla Arzler Alm a 1.067 metri. Da lì si scende seguendo la chiara segnaletica fino alla stazione a valle della Hungerburg.

Bosco idilliaco sul Mieminger Plateau
Bosco idilliaco sul Mieminger Plateau
Torrenti scroscianti nella natura alpina
Torrenti scroscianti nella natura alpina
Respirare senza barriere
I seguenti luoghi naturali e piattaforme panoramiche sono facilmente accessibili anche per le persone con mobilità ridotta.

Il piacere della natura

Un percorso escursionistico senza barriere nel bosco conduce al Paschberg presso Amras attraverso la superficie di un ettaro e mezzo della torbiera boscosa di Tantegert. Qui, dopo un’impegnativa rivitalizzazione della torbiera, è stata posizionata un’ampia passerella progettata a livello del terreno come piattaforma panoramica: a prova di sedie a rotelle e passeggini, con parcogiochi nel bosco e cerchio arboreo celtico con 21 tipi diversi di alberi. Raggiungibile da Innsbruck, sempre senza barriere architettoniche, con la linea 6, che offre un pittoresco viaggio in tram attraverso il bosco. Sempre sulla linea del tram 6 si trova la fermata Tummelplatz, poco sopra il Castello di Ambras. Qui si estende uno storico cimitero forestale a pianta stellata e migliaia di storie da raccontare. Alcuni dei suoi segreti resteranno celati qui per sempre tra le innumerevoli tombe dei soldati e i monumenti commemorativi. Sin dal XVIII secolo questa piccola radura sopra Innsbruck rappresenta una delle più amate oasi per chi cerca pace e silenzio. E le anime del tempo passato che vi dimorano condividono volentieri questo luogo mistico con chi rispetta il silenzio del loro sonno eterno. Almeno fino a quando il sole tramonta e ci si rimette in cammino verso la città, con una brezza leggera che accarezza la schiena e tanta nuova energia dentro di sé.

Continua
unlimited
Weather for Mattina
Mattina
Innsbruck
Soleggiato: 50%
16°C
Pomeriggio
Weather for Pomeriggio
Pomeriggio
Innsbruck
Soleggiato: 40%
16°C
Weather for Mercoledì
Mercoledì
Innsbruck
Soleggiato: 60%
16°C
Giovedì
Weather for Giovedì
Giovedì
Innsbruck
Soleggiato: 60%
16°C
Mattina
Possiamo esservi utili? Contattateci!
Innsbruck Tourismus
lun - ven: ore 8.00 - 17.00
Innsbruck Incoming
lun - ven: ore 9.00 - 17.00
Tourismus Information, Ticket Service
lun - sab: ore 9.00 - 18.00
dom: ore 10.00 - 16.30